Festa internazionale degli Gnomi.

Ci parli degli spettacoli che Teatro Simurgh porterà a Pescocostanzo l’11 e 12 luglio e a Roccaraso il 18 e 19 luglio prossimi…

[tratto dall’intervista a Fiore Zulli in occasione della Festa Internazionale degli gnomi]

Porteremo due spettacoli, uno è Gaia e il Libro Magico, scritto ed interpretato da Carla Robertson. Gaia canta, danza e legge i racconti che vivono nel suo libro e parlano dell’invisibile, di Fate, di Elfi. Tutti racconti che evocano il mondo degli spiriti della Natura in base al ricco retaggio culturale e simbolico Sudamericano. Gaia, personificazione del nostro Pianeta, esordisce dicendo “La Terra è la mia casa”, e porta i bambini in un viaggio tenero e fantastico.

Con canti e danze dall’Africa al Sud America, dall’Europa Celta al canto tradizionale dei Tenores sardi, Gaia trasforma la lettura in una narrazione affascinante.

L’altro spettacolo s’intitola La sorgente nascosta. Qui siamo in scena Carla ed io. Anche in questo spettacolo cantiamo e suoniamo strumenti tradizionali di diverse culture del mondo. La drammaturgia si basa su una antichissima fiaba della popolazione Dong, del sud della Cina. L’eroina è una ragazza dai lunghi capelli che è disposta a donare la sua vita per salvare il suo popolo dalla sete. Si tratta di un grande racconto sapienziale diretto al cuore dei bambini e che noi abbiamo adattato per il Teatro. Lo portiamo al Festival Internazionale degli Gnomi, per il valore oggettivo del suo messaggio ed il fascino immediato e profondo della sua forma scenica.

Leggi l’intera intervista

#iopartecipoperchè

www.festadeglignomi.it