intervista fiore zulli regista teatro simurgh